30 anni di soccorso in Italia attraverso le pagine di N&A

14,90

IL PREZZO È COMPRESO DI SPESE DI SPEDIZIONE

30 anni di soccorso in Italia attraverso le pagine di N&A” è un libro che nasce come omaggio alla memoria di Giorgio Patrizio Nannini, fondatore di “N&A mensile italiano del soccorso, scomparso nel gennaio del 2004 in un tragico incidente aereo, mentre si apprestava a portare dei defibrillatori semiautomatici a Salerno, nell’ambito di un progetto di defibrillazione precoce per i laici.

Autori:

Stefano De Vecchis

COD: L0034 Categoria:

Descrizione

30 anni di soccorso in Italia attraverso le pagine di N&A” è un libro che nasce come omaggio alla memoria di Giorgio Patrizio Nannini, fondatore di “N&A mensile italiano del soccorso, scomparso nel gennaio del 2004 in un tragico incidente aereo, mentre si apprestava a portare dei defibrillatori semiautomatici a Salerno, nell’ambito di un progetto di defibrillazione precoce per i laici.

Una battaglia di civiltà e modernità, quella per la diffusione dei defibrillatori e delle buone pratiche della rianimazione cardiopolmonare, che ha visto in Nannini uno dei principali promotori in Italia.

Oltre ad essere progettista di Centrali Operative ed aver collaborato alla nascita di molti sistemi di soccorso, Giorgio Nannini ha seguito, anche attraverso le pagine di N&A, lo sviluppo del 118 italiano fin dalla sua nascita.

Il libro racconta tutto ciò e altro ancora, grazie a dieci capitoli che approfondiscono i diversi temi legati al soccorso e all’emergenza sanitaria.

Il contributo delle Associazioni di volontariato, lo sviluppo dell’elisoccorso, l’impiego delle automediche, sicurezza e visibilità delle ambulanze, le maxi-emergenze legate a grandi fatti di cronaca, l’impegno di infermieri e medici nelle Centrali Operative e sui mezzi di soccorso; sono solo alcuni degli argomenti trattati.

Un racconto fatto sfogliando le pagine di N&A, che mese dopo mese riportano notizie ed informazioni tali da costituire un’autorevole documentazione storica sull’evoluzione dei Sistemi di Soccorso in Italia.

Se, come disse Marc Bloch, storico francese, “l’incomprensione del presente nasce fatalmente dall’ignoranza del passato” allora questo libro può aiutare a comprendere molto dell’attuale situazione operativa del 118 in un momento di grande revisione e riorganizzazione.

Un volume che manca nell’attuale panorama editoriale, che non mancherà di interessare tutti gli operatori di soccorso anche grazie alla presenza di tante immagini d’archivio.

È l’estate del 1990; in un Italia inebriata dalle notti magiche del mondiale di calcio si affaccia sulla scena nazionale, dopo anni di dibattitti, rinvii e discussioni, il 118 numero unico per l’emergenza sanitaria. Si inaugurano le nuove Centrali Operative, a Bologna ed Udine cui seguiranno, nei mesi e negli anni successivi, Pieve di Cadore (BL) e via via tutte le altre, tra realtà consolidate, come quelle dell’Emilia Romagna o dei SUEM nel veneto, e sistemi regionali innovativi, tutti da creare. Si consolida e sviluppa il servizio di Elisoccorso, tra gli esperimenti degli anni ’80 con l’ACI 116, la collaborazione con i Vigili del Fuoco in Liguria e Trentino e le prime realtà signicative a Como, Verona ed ancora in Emilia Romagna. L’evoluzione del soccorso sanitario italiano conosce la sua svolta epocale all’inizio degli anni ’90, con la legge istitutiva del 118 e la rapida diffusione delle sue Centrali Operative provinciali…
E proprio in questo periodo che Giorgio Patrizio Nannini fonda “N&A mensile italiano del soccorso”. Il giornale, caratterizzato dal colore giallo delle pagine e stampato in formato “tipo quotidiano” diventa subito il testimone del grande fermento culturale di quegli anni. Il passaggio del soccorso “carica e vai” del Fiat 238 ai nuovi trattamenti medici da effettuare sul posto con il Fiat Ducato, dalle autolettighe, alle ambulanze costruite secondo le nuove normative degli anni ’80, per arrivare alle indicazioni europee molti anni dopo. Nannini, affiancato dai collaboratori Roberto Branzanti e Luigi Jannaccone, racconta questo e molto altro, e le pagine di N&A diventano ben presto una preziosa fonte di informazioni sullo stato dell’arte di allora e non solo. La tradizione storica del volontariato delle Misericordie, delle Pubbliche Assistenze e della Croce Rossa si fonda e si confronta, non senza problemi, con le nuove esigenze operative del soccorso. Gli infermieri professionali vengono riconosciuti come le figure su cui costruire i nuovi Sistemi 118, le Centrali Operative rappresentano l’evoluzione dei vecchi centralini dove giungevano le richieste di soccorso. Ma la storia editoriale di N&A dura a lungo e dura tuttora. Una storia che è riuscita ad andare oltre al suo fondatore, scomparso 10 anni fa in un incidente aereo. E la pubblicazione del libro “30 anni di soccorso in Italia attraverso le pagine di N&A” vuole proprio rendere omaggio alla figura di Giorgio Patrizio Nannini. A quanto egli ha fatto, anche attraverso le pagine del suo giornale, per diffondere la cultura dell’emergenza tra tutti gli operatori di soccorso italiani, senza distinzione alcuna. Grazie.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Solamente clienti che hanno effettuato l'accesso ed hanno acquistato questo prodotto possono lasciare una recensione.